Vipiteno: cosa vedere, Torre delle Dodici

Cosa vedere a Vipiteno, itinerario di un giorno comprendente i principali monumenti e luoghi di interesse, tra cui Museo Multscher, Torre delle Dodici, Palazzo Comunale e Chiesa parrocchiale.

Torre delle dodici - Vipiteno

Turismo Vipiteno

Situata in provincia di Bolzano, da cui dista 71 km, Vipiteno è una località turistica vicina al valico di frontiera del Brennero.

Nella Chiesa dello Spirito Santo sono presenti affreschi del quindicesimo secolo realizzati da Giovanni da Brunico.

In Piazza Città, si trova un rilievo risalente al periodo romano che raffigura il dio persiano Mitra mentre uccide un toro.

Nel Museo Multscher sono presenti alcuni resti dell’altare della chiesa parrocchiale, realizzato dal Multscher, inoltre, tre le altre cose, sono molto interessanti quattro portelle dipinte formate da otto tavole, con scene della Passione di Cristo e della Vida di Maria, risalenti al 1458.

Via Città Nuova è caratterizzata da edifici decorati con sporti, merlature e eleganti insegne antiche.

All’inizio di questa strada si innalza la quattrocentesca Torre delle Dodici, ricostruita nel diciannovesimo secolo, sulla quale risaltano un orologio e una meridiana affrescati e contrassegnati con stemmi.

Poco più avanti si trovano la seicentesca Casa dei Principi, usata per ospitare ospiti importanti, e il monumento a San Giovanni Nepomuceno, patrono cittadino.

Vicino alla statua di questo Santo è situtato il Palazzo Comunale, contraddistinto da sporti a coronamento merlato.

In stile tardogotico e risalente al sedicesimo secolo, questo edificio contiene al primo piano un cortile aperto abbellito con rilievi e dipinti, mentre nella Sala del Consiglio sono conservati oggetti di epoca medievale e barocca.

La Chiesa parrocchiale di Santa Maria in Vibitin, la cui costruzione risale al periodo compreso tra il quindicesimo e il sedicesimo secolo, mostra al suo fianco un notevole campanile.

Sul lato destro si apre un portale ogivale caratterizzato da una lunetta, un bassorilievo del cinquecento e una lapide romana.

Nell’interno a tre navate con volte affrescate, sono conservate interessanti statue realizzate dal Multscher.

Nelle vicinanze si trova l’ospedale civile, che è una ricostruzione del 1500 di un palazzo risalente al tredicesimo secolo.