Vilnius: cosa vedere nella capitale della Lituania

Cosa vedere a Vilnius, itinerario comprendente i principali monumenti e luoghi di interesse, tra cui Cattedrale dei Santi Stanislao e Ladislao e Torre di Gediminas.

Chiesa di Sant'Anna - Vilnius

Turismo Vilnius

Vilnius è la capitale della Lituania, si trova nel sud est del paese alla confluenza dei fiumi Vilnia e Neris.

Il suo centro storico, di struttura medievale, ha conservato nonostante le parziali distruzioni subite nel corso dei secoli, un armonioso complesso di edifici in differenti stili architettonici, questo è uno dei motivi per cui è inserito nella lista dei Patrimoni dell’Umanità dell’Unesco.

Il cuore storico della città è la piazza dove si trova la Cattedrale dei Santi Stanislao e Ladislao, eretta in stile neoclassico e nella cui cripta si trovano le reliquie di molti personaggi nobili, duchi e vescovi, protagonisti della storia relativa al Gran Ducato della Lituania, oltre all’interessante Cappella di San Casimiro.

Di fronte alla Cattedrale si eleva la Torre Campanaria, anticamente parte integrante delle mura difensive di Vilnius.

Dietro la Cattedrale sorge il castello inferiore o Palazzo Reale, risalente al sedicesimo secolo e ricostruito nel 1800.

Sulla collina, nella zona circostante, si trova il Castello Superiore che, dopo la distruzione subita nel diciassettesimo secolo durante la guerra con la Russia, ha conservato la Torre occidentale, nota come la Torre Gediminas e sede di un museo, simbolo, insieme alla Cattedrale, della città di Vilnius.

Nel centro storico si trova l’Università, costituita da un complesso di edifici realizzati in vari stili architettonici.

Fondata nel 1579, rientra tra le più antiche Università dell’Europa orientale, nella sua biblioteca sono conservati scritti antichi, stampe rare e prestigiose collezioni.

Fu il centro scientifico e culturale più importante del Granducato di Lituania e ne influenzò profondamente la vita politica, sociale ed economica.

Fra gli edifici religiosi risaltano la Chiesa di Sant’Anna, capolavoro di architettura gotica, la Chiesa di San Francesco e San Bernardino, originariamente in stile gotico, poi ristrutturata con aggiunta di elementi architettonici in stile rinascimentale e barocco.

Oltre a questi, sono molto interessanti la barocca Basilica di San Pietro e Paolo, dove sono conservati capolavori di arte italiana e lituana, la Chiesa dello Spirito Santo, che è la Chiesa Ortodossa più importante della Lituania, con l’esterno in stile barocco e l’interno è in stile rococò.

Dell’antica fortificazione di Vilnius faceva parte la Porta dell’Aurora, una delle porte che anticamente si aprivano nelle mura.

Accanto a questa porta è collocata una cappella che ospita un’effige della Vergine Maria Madre della Misericordia, oggetto di grande devozione e meta di pellegrinaggi.

I Carmelitani Scalzi, negli anni 1633-1654, fecero costruire, adiacente alla Cappella della Porta dell’Aurora, la Chiesa di Santa Teresa D’Avila.

A circa 30 Km da Vilnius si trova la cittadina di Trakai che, circondata da paesaggi pittoreschi, fu capitale del Granducato di Lituania e residenza del Granduca.

Sull’isola posta al centro del lago di Galves si trova il castello del quattordicesimo secolo.