Taiwan in 7 giorni: cosa vedere nell’isola

Cosa vedere a Taiwan in una settimana, itinerario tra modernissimi grattacieli, templi antichi e antiche tradizioni da scoprire nella piccola isola stato con capitale Taipei.

Chiang kai shek memorial hall - Taiwan

Turismo Taiwan

Taiwan è identificata comunemente come il luogo dove domina la tecnologia e l’elettronica, basti pensare che molti componenti di pc e altri apparecchi vengono fabbricati qua.

Ma quest’isola nasconde una realtà pittoresca fatta di paesaggi con panorami mozzafiato e un variegato scenario di culture diverse provenienti da una storia che si perde nei meandri del tempo.

Accanto ai mercati notturni, percorsi ciclabili e sorgenti termali, ci sono grattacieli, montagne e laghi scintillanti.

Taiwan è uno dei pochi posti al mondo dove le pratiche religiose e culturali antiche sono ancora attuali, in un contesto moderno volto al futuro dove convivono grattacieli futuristici e antichi templi.

L’influenza di culture diverse traspare anche dalla cucina dell’isola dove si possono degustare piatti cinesi, giapponesi e aborigeni.

Guardando alla storia dell’isola, ci si rende conto che Taiwan è stato governato per cinque decenni dal Giappone e successivamente, nel 1949, dai sostenitori e soldati del Partito nazionalista cinese, fuggito qui dopo essere stato sconfitto dall’esercito del presidente Mao durante la guerra civile cinese.

Taiwan ha oggi una vocazione indipendentista dalla Cina e per questo i governanti di Pechino lo guardano con una certa inquietudine. In passato, Taiwan era conosciuta come Formosa, una parola derivata dal portoghese che significa isola bella.

Lontano dalle torri eleganti e dal pulsare delle luci delle città, ci sono le valli, i laghi e le gole della campagna, luoghi che tendono colpire maggiormente il turista.

Il fatto che relativamente pochi viaggiatori scelgano Taiwan come meta di vacanza, dipende soprattutto dalla mancanza di consapevolezza piuttosto che dalla mancanza di cose da fare.

Infatti quest’ultime non sono affatto carenti e l’ambiente è perfettamente adatto agli escursionisti, ciclisti, subacquei, surfisti, pellegrini, buongustai e amanti del lusso, che potranno trovare qui un piccolo angolo di paradiso.

Il Chiang Kai-Shek Memorial Hall è un’imponente tomba e santuario dedicato al più famoso condottiero di Taipei, che ospita anche i principali luoghi di Taipei dedicati alle arti dello spettacolo, tra cui il Teatro Nazionale dell’Opera all’interno del suo grande parco.

Il Capodanno cinese è una delle tante feste che si svolgono nella capitale, utile per ottenere una panoramica sulla cultura dell’isola.

Insieme al Dragon Boat Festival e al Mid-Autumn Moon Festival sono feste tradizionali molto sentite che si svolgono nelle piazze.

Chung Tai Chan Monastery è il tempio buddista più alto del mondo, opera di architettura portata a termine dopo oltre dieci anni di lavori, progettata da CY Lee.

Facilmente raggiungibile dalla città di Puli nel centro di Taiwan, si distingue per la mescolanza impressionante di tecniche moderniste e tradizioni del vecchio mondo.

La Rift Valley orientale è una zona fertile ricca di sedimenti, per questo conosciuta anche con l’appellativo di terra di latte e miele.

Taiwan ospita circa 460 specie diverse di uccelli, tra cui rare specie endemiche come il la gazza Formosa blu e i fagiani Swinhoe e Mikado.

Tra gli altri animali selvatici sono presenti la scimmia Formosa rock e circa 400 specie di farfalle.

A Green Bay, terreno scosceso e venti costanti offrono opportunità perfette per praticare il volo in deltaplano e parapendio.

Il Parco Nazionale di Kenting è una zona molto frequentata e ricreativa, situata nella foresta tropicale lungo la costa, in corrispondenza dell’estremità meridionale di Taiwan, che vanta splendide spiagge, laghi corallini e un’area protetta per gli uccelli, oltre a strutture attrezzate per sport acquatici e golf.

Kinmen è un arcipelago di isole situate a soli due chilometri al largo della costa della Cina continentale, ma ancora sotto il dominio di Taiwan.

L’isola principale, da cui prende il nome, fu base strategica fondamentale durante i disordini del ventesimo secolo e per questo vi si trovano costruzioni ed edifici fortificati.

All’isola Lanyu, Orchid Island, situata al largo della costa sud-est, è possibile conoscere gli aborigeni Yami, ultimi superstiti delle tribù di cacciatori.

L’isola vulcanica, dove si trovano alcune delle più belle barriere coralline della regione, offre un idea dell’ambiente tropicale anche in alta stagione.

Immersioni o snorkeling nelle acque intorno Ludao, Isola Verde, al largo della costa sud-est.

Vi si trovano splendide foreste di coralli da ammirare, con una visibilità è buona tutto l’anno.

L’isola è raggiungibile in barca da Taitung ed è famosa per i prigionieri politici che hanno trascorso qui il periodo dell’esilio nel 20° secolo.

Vecchio quartiere portuale nel centro di Taiwan, Lugang è sede di un ricco patrimonio di templi, edifici tradizionali e botteghe di ottimo artigianato locale.

Il centro storico è un luogo piacevole per le passeggiate spensierate.

Nel Museo del Palazzo Nazionale è conservata la più grande collezione di manufatti cinesi, di cui la maggior parte è stata portata qui dai sostenitori di Chiang Kai-shek, con grande disappunto del vecchio regime di Pechino.

Percorrendo la strada costiera nord-est è possibile godere di panorami spettacolari, con la catena montuosa centrale da una parte e la distesa blu del Mar Cinese Orientale dall’altra.

Il percorso passa attraverso un gran numero di piccoli villaggi, molti dei quali sono rimasti inalterati anche dopo l’evoluzione in senso tecnologico dell’isola.

Nell’arcipelago Penghu, gruppo di isole nel mezzo dello Stretto di Taiwan, è possibile ammirare sorprendenti formazioni rocciose di basalto.

Le colonne si sono formate per effetto di eruzioni vulcaniche antiche e sono state successivamente erose dal vento e dalle onde.

I centri commerciali e i mercatini locali hanno molti prodotti in offerta, tra cui oggetti in bambù, ombrelli di carta, artigianato aborigeno, oggetti artistici in vetro, frutta candita e tè.

Il passato vulcanico di Taiwan ha lasciato abbondanti riserve di energia geotermica in tutta l’isola, dove si trovano oltre 100 sorgenti di acque minerali calde.

Sono molto popolari, sia per i residenti che per i turisti, in quanto offrono un metodo rilassante per tonificare i muscoli.

Tainan, la città più antica dell’isola ed ex capitale, è conosciuta anche come Città dei Templi, per il gran numero di questo tipo di strutture, oltre 200, tra cui vi sono ottimi esempi di architettura.

Ottima la cucina e disponibile un calendario fitto di eventi e festival.

Il Taipei 101, che fino a poco tempo era l’edificio più alto del mondo, è dotato di un ascensore molto veloce per raggiungere l’Osservatorio dell’ultimo piano, da cui è possibile godere di un bellissimo panorama.

La scala di Taroko è attrazione naturale di Taiwan che merita un posto privilegiato in qualunghe itinerario di visita.

Le alte scogliere del precipizio sono attraversate da estesi depositi di marmo, che contribuiscono alla bellezza complessiva di uno dei luoghi più suggestivi.

Molti dei parchi nazionali di Taiwan offrono escursioni di alto livello, ma quello dello Yushan è molto particolare, grazie soprattutto al Monte Yushan, Jade Mountain che, con i suoi 3.952 m di altitudine, rappresenta la vetta più alta del Nord-est asiatico ed è considerato un simbolo importante dell’identità di Taiwan, molto ambito dagli alpinisti provenienti da ogni parte del mondo.