Scala: cosa vedere, Duomo San Lorenzo

Cosa vedere a Scala, itinerario comprendente i principali monumenti e luoghi di interesse del borgo, tra cui Duomo San Lorenzo e Chiesa Minuta.

Scala: chiesa di Minuta

Turismo Scala

Situato di fronte a Ravello, Scala è il borgo più antico della Costiera Amalfitana, posto in provincia di Salerno a un’altitudine di 400 metri sul livello del mare e inserito in un contesto territoriale comprendente la Riserva Naturale della Valle delle Ferriere, oltre a castagneti e splendidi terrazzamenti, affacciati sul mare, con estese coltivazioni di limoni e pomodorini.

La pace e la tranquillità che il luogo è in grado di infondere al visitatore, rendono Scala molto diversa dalle celebri Amalfi e Ravello, ideale per turisti che non amano la confusione.

Circa le origini storiche, sembra che la fondazione del borgo di Scala risalga a epoca romana, quanto alcuni naufraghi vi si insediarono.

Inoltre Scala fu un baluardo difensivo fortificato alleato con la Repubblica marinara di Amalfi.

Nel 1073 la cittadina venne distrutta, tramite saccheggio e incendio, da Roberto il Guiscardo.

Il centro storico ha l’aspetto tipico del borgo medievale, sviluppato in maniera disomogenea lungo le pendici della montagna e suddiviso in diverse zone, tra cui Scala Centro, Minuta, Pontone, Campidoglio, San Pietro e Santa Caterina, con al centro il Duomo di San Lorenzo, patrono cittadino.

Il duomo in stile romanico, risalente al dodicesimo secolo, è stato rimaneggiato più volte, soprattutto nel diciassettesimo secolo.

Della struttura originaria, conserva ancora il portale centrale, con stipiti marmorei, decorati da tralci e grifoni scolpiti.

Sulla facciata, sopra il portale, è presente un’elegante scultura medioevale a bassorilievo, raffigurante la Madonna, San Pietro e San Giacomo Apostolo, con piccoli stemmi dei Frisara, subito sopra è possibile intravedere tracce di antichi affreschi.

Nell’interno della cattedrale, ristrutturata in stile barocco nel 1615, sono conservate le grandi tele del soffitto, rappresentanti episodi della vita e del martirio di San Lorenzo, opera del pittore Cacciapuoti.

Nella parte centrale della chiesa il pavimento, realizzato in maiolica dipinta a mano, raffigura un rosone con la scala e il leone, simboli di Scala.

Nella cripta, in stile gotico, si trova il sarcofago in stucco colorato di Marinella Rufolo, fatto realizzare dal marito Antonio Coppola nel 1332.

Molto bella è la Chiesa di Minuta, probabilmente la più antica di Scala, risalente all’undicesimo secolo e dedicata alla Santissima Annunziata, dalla piazzetta antistante è possibile godere di un meraviglioso panorama.