Moldavia: informazioni turistiche generali

Informazioni turistiche generali sulla Modavia, comprendenti caratteristiche geografiche, climatiche ed etniche della popolazione, con riferimenti alle risorse naturali e alle principali attività produttive della nazione.

Bandiera - Moldavia

Turismo Moldavia

Stato dell’Europa Orientale senza sbocco sul mare, la Repubblica di Moldavia si sviluppa su un territorio che occupa il settore sudoccidentale del bassopiano Sarmatico, tra il fiume Prut, che la divide dalla Romania, e i rilievi della Podolia ucraina.

La maggior parte della nazione è caratterizzata da una pianura ondulata, con vegetazione steppica predominante, interrotta lievemente da un andamento collinare, la cui altezza non supera mai i cinquecento metri.

Tale pianura è attraversata dal fiume Dnestr che, come tutti gli altri corsi d’acqua dello stato, va a sfociare nel Mar Nero.

Nella zona centrale del paese sono presenti boschi di faggi e querce che in passato, molto più estesi, andavano a ricoprire circa un terzo dell’intera superficie della Nazione.

Il clima è di tipo continentale, caratterizzato da inverni rigidi ed estati calde, con influenza mitigatrice esercitata dal vicino Mar Nero.

La piovosità è abbondante, soprattutto nelle zone settentrionali.

Quasi la metà della popolazione è di etnia moldava, discendente da quella rumena, inoltre sono presenti minoranze di Ucraini, Russi, Bulgari e Gagauzi.

Gli atei sono in numero prevalente rispetto a coloro che osservano la religione ortodossa.

La lingua ufficiale è il moldavo, praticamente identico al rumeno, anche se, fino al 1989, se ne differenziava per essere scritto in caratteri cirillici.

Per quanto riguarda l’economia, la Moldavia non possiede materie prime, fatta eccezione per alcuni piccoli giacimenti di gas e di petrolio.

La maggiore fonte di energia è costituita dalle dighe in funzione sui fiumi Dnestr e Prut.

Oltre la metà della popolazione abita nelle campagne, visto che il settore produttivo predominante è rappresentato dall’agricoltura che, grazie al buon livello di fertilità dei terreni, produce cereali, barbabietola da zucchero, uva, tabacco e olio essenziale di rose.

Il settore alimentare costituisce il principale comparto industriale, a cui seguono impianti siderurgici, meccanici, elettronici, tessili e del tabacco.