Filippine: informazioni utili generali

Informazioni utili generali sulle Filippine, comprendenti tutte le cose da sapere prima della partenza per un viaggio o una vacanza in questo stato dell’Asia sud-orientale.

cartina Filippine

Filippine in breve

  • Capitale: Manila
  • Superficie in kmq: 300.000
  • Numero di abitanti: 94.013.200 (2010)
  • Religione: 83% cattolica, 9% protestante, 5% musulmana ed altre religioni.

Dove si trovano

bandiera filippine La Repubblica delle Filippine è uno stato dell’Asia sud-orientale che occupa un arcipelago formato da 7.107 isole, situate su una delle fosse oceaniche più profonde del mondo, fra il Mar Cinese Meridionale e il Mare di Sulu ad ovest, lo stretto di Luzon a nord, il Mar delle Filippine ad est e il Mare di Celebes a sud.

L’arcipelago è formato dalle isole maggiori di Luzon (estremità settentrionale), e Mindanao (estremità meridionale), e da isole di medie dimensioni come Cebu, Mindoro, Negros, Palawan, Panay, Samar, oltre a migliaia di isolotti alcuni dei quali non ancora esplorati.

Le isole sono di origine vulcanica ed il loro territorio è costituito in prevalenza dalla parte sommitale di catene montuose, semisommerse, che si estendono da nord a sud seguendo un adamento parallelo alle coste.

Le isole più piccole hanno dorsali aspri e montuosi, mentre quelle più grandi, in particolare Luzon e Mindanao, presentano un territorio più vario, con fertili vallate che si interpongono alle catene montuose.

Sull’isola di Mindanao si trova la vetta più alta dell’arcipelago, il vulcano attivo Apo m. 2.954 s.l.m., seguito dal monte Pulog (2.928 m. s.l.m.) che si trova sull’isola di Luzon.

Le isole hanno coste frastagliate ed irregolari, spesso orlate da barriere coralline.

Idrografia

I maggiori corsi d’acqua delle Filippine sono il Cagayan, il Pampanga e l’Agno, che scorrono sull’isola di Luzon, e i fiumi Agusan e Mindanao (noto anche come Rio Grande de Mindanao), che si trovano sull’isola Mindanao.

Clima

Le Filippine hanno un clima tropicale caldo e umido. Le stagioni sono influenzate dai monsoni.

Le precipitazioni sono abbondanti soprattutto da giugno a novembre, periodo in cui si possono verificare uragani.

Le temperature salgono nel periodo da marzo a maggio, e calano da dicembre a febbraio rendendo la stagione più fresca.

Popolazione

La maggioranza della popolazione delle Filippine discende da popoli di varia origine, in gran parte mista ad etnie austronesiane.

Sul territorio sono presenti un numero molto elevato di etnie differenti, mentre la popolazione originaria dell’arcipelago costituisce una piccolissima minoranza.

Fuso orario

Nelle Filippine la differenza di fuso orario è di 7 ore avanti rispetto all’Italia, 6 ore avanti quando in Italia vige l’ora legale.

Lingua parlata

Le lingue ufficiali delle Filippine sono inglese e filippino (dialetto Tagalog promosso a lingua ufficiale).

Inoltre sono parlati molti dialetti, l’inglese è molto diffuso, mentre lo spagnolo è in disuso.

Economia

La situazione economica delle Filippine risente della forte dipendenza dal capitale internazionale e della mancata diversificazione degli scambi commerciali, oltre ad una disparità di sviluppo fra le varie regioni e di notevoli squilibri nella distribuzione del reddito.

Il settore che fornisce i principali prodotti d’esportazione è l’agricoltura, dove è impiegata la maggioranza della popolazione attiva, nonostante la proprietà sia concentrata nelle mani di pochi.

L’attività economica tradizionale è la coltivazione del riso, mentre la coltura industriale principale è la canna da zucchero, la cui produzione alimenta diversi zuccherifici, infatti l’industria riguarda soprattutto la lavorazione dei prodotti agricoli locali.

L’industria manifatturiera risulta carente, ed anche le discrete risorse minerarie presenti nel paese non sono supportate da una adeguata industria di trasformazione.

Ai fini del consumo interno è opportuno tenere presente del contributo che i lavoratori filippini emigrati all’estero inviano alle loro famiglie in patria.

In espansione il settore turistico.

Quando andare

Il periodo migliore per visitare le Filippine va da dicembre a maggio.

E’ da evitare il periodo compreso fra giugno e novembre, per le piogge ed il rischio uragani.

Documenti richiesti

Per entrare nelle Filippine è necessario il passaporto con validità residua di almeno sei mesi al momento dell’arrivo nel paese, e il biglietto aereo di andata e ritorno.

Il visto d’ingresso non è necessario per soggiorni inferiori a 21 giorni, ma in caso di bisogno è possibile estendere il permesso per un periodo unico di ulteriori 38 giorni, facendo richiesta presso il Bureau of Immigration di Manila, oppure direttamente in aeroporto.

Telefono

– Il prefisso internazionale per telefonare dall’Italia nelle Filippine è: 0063

– Il prefisso internazionale per telefoanre dalle Filippine in Italia è: 0039

Elettricità

La corrente elettrica nelle Filippine è a 110/220 V – 60 Hz. con prese elettriche tipo A (Americana a 2 poli), tipo B (Americana con contatto a terra) e tipo C (Europea a 2 poli), pertanto è necessario un adattatore.

Moneta e carta di credito

La moneta ufficiale delle Filippine è il Peso filippino (PHP). E’ possibile cambiare la valuta presso le banche, gli alberghi e i cambiavalute autorizzati.

Le carte di credito piu conosciute sono accettate nei principali alberghi, resorts, ristoranti e centri commerciali.

Come arrivare

Gli aeroporti Ninoy Aquino International Airport (NAIA) di Manila ed il Mactan International Airport (MIA) di Cebu sono gli scali principali delle Filippine.

La compagnia di bandiera Philippine Airlines effettua voli internazionali, ed insieme ad altre compagnie opera nel paese con voli interni.

Le Filippine sono ben collegate con molte città dell’Asia, dell’Australia, della Nuova Zelanda e degli Stati Uniti.

Dall’Italia non ci sono voli diretti, ma varie compagnie aeree, fra cui Cathay Pacific (scalo ad Hong Kong), Air China (scalo a Pechino), KLM (scalo ad Amsterdam), Emirates (scalo da Dubai), Qatar Airways (scalo a Doha), collegano l’Italia alle Filippine.

Vaccinazioni

Per andare nelle Filippine non ci sono vaccinazioni obbligatorie da fare.

La vaccinazione contro la febbre gialla è richiesta solo ai viaggiatori d’eta superiore a un anno, provenienti da zone infette.

Sono consigliate, previo parere medico, le vaccinazioni contro l’epatite A e B, il tifo, il tetano, e la profilassi antimalarica nelle zone a rischio, al di sotto dei 600 metri, escluso che nelle provincie di Aklan, Bilaran, Bohol, Camiguin, Capiz, Catanduanes, Cebu, Guimaras, Iloilo, Leyte, Masbate nord- Samar, Sequijor, zona metropolitana di Manila e zone urbane.

Inoltre è opportuno seguire alcuni accorgimenti igienici, bere solo acqua imbottigliata senza aggiunta di ghiaccio, mangiare carni e verdure solamente cotte, la frutta solo se sbucciata personalmente.

Prima della partenza è consigliata la stipulazione di un’assicurazione sanitaria che copra le spese mediche ed un eventuale rimpatrio.