Cosa serve per iniziare a cucire: kit da sarta

Scopri qui tutto quello che ti serve per iniziare a cucire, strumenti necessari e materiali da acquistare per potersi dedicare con facilità a questa arte antica ma ancora attuale.

metro da sarta

Kit da sarta

Passanastro

Strumento utile per passare elastici, fili o fiocchi attraverso le asole.

Carta carbone e rotella dentellata da ricalco

Si usano congiuntamente per ricalcare sul rovescio del tessuto dei segni.

Conviene scegliere la carta carbone di un colore il più possibile simile a quello del tessuto e usare sempre il colore bianco su tessuto bianco, in modo da avere come risultato una linea tenue.

Penne per pittogrammi

Possono essere impiegate su tessuti caratterizzati da superficie più dura, in quanto si cancellano facilmente con l’ausilio di una spugnetta.

I segni tracciati dalle penne a inchiostro invisibile si cancellano semplicemente con acqua oppure svaniscono da soli dopo alcuni giorni.

Le penne da ricalco possono essere impiegate per ripassare un disegno sulla carta cerata, che lo stampa su tessuto al passaggio del ferro da stiro.

Retina adesiva

Si tratta di una striscia di colla disponibile in varie misure, utile per incollare due parti di tessuto senza sbavature.

Le strisce più sottili vengono usate per orli e rivestimenti, mentre quelle più larghe servono per le applicazioni.

Aghi

Gli aghi appuntiti e di media lunghezza sono utilizzati per la cucitura base, mentre quelli più corti da trapunto, aventi la cruna tonda, sono indicati per lavori che richiedono una maggiore precisione.

Per gli aghi viene comunemente usata una classificazione in base allo spessore, con una scala variabile da uno a dieci, dove dieci è lo spessore minimo.

Puntaspilli

Questo oggetto ha la funzione di tenere a portata di mano gli spilli e gli aghi che si stanno utilizzando, un puntaspilli da polso, ad esempio, risulta estremamente utile durante la lavorazione di un vestito.

Spilli

Si trovano in commercio spilli di ogni forma e grandezza, quelli comuni servono per normali lavori di cucitura, mentre quelli da merletto vengono impiegati con tessuti delicati.

Gli spilli con la punta arrotondata sono indicati per tessuti in fibra sintetica.

Gli spilli con la capocchia colorata hanno il pregio di essere maggiormente visibili sul tessuto.

Nastro per trapunto

E’ un nastro adesivo largo 5 mm, concepito per aggiungere margini di cucitura nei lavori di trapunto.

Gira-rouleau

Utile strumento metallico che serve a rovesciare i cilindri di stoffa degli anelli a rouleau.

Spille da balia

Questo tipo di spille risulta estremamente utile per tenere insieme strati di tessuto pesante, in quanto più sicure dei normali spilli.

Forbici

Servono un paio di forbici grandi per tagliare, un paio di forbici medie per rifinire i contorni o tagliare piccoli pezzi di tessuto, e un paio di forbici piccole, appuntite e affilate per seguire con precisione delle curve o procedere al taglio degli angoli.

E’ sconsigliato tagliare la carta con le forbici da sarto perchè la lama potrebbe rovinarsi irreparabilmente.

Le forbici aventi la lama a zig zag vengono usate per rifilare il bordo di un tessuto, per fare in modo che non si sfilacci.

Tagliapunti

Si tratta di un piccolo strumento da taglio impiegato per togliere cuciture errate o per creare delle asole.

Metro da sarta

Il vero metro da sarta riporta le misurazioni in centimetri e pollici sullo stesso lato, per consentire confronti immediati.

E’ consigliabile acquistarne uno da 150 cm con estremità rivestite in metallo.

Gessetti da sarto

Sono impiegati per la tracciatura di segni provvisori sui tessuti.

Con un paio di forbici medie conviene tenere la punta affilata e, prima di usarlo sul dritto di un tessuto, testarlo altrove, in modo da essere sicuri che il segno non vada via.

Ditale

Viene indossato sul dito medio della mano con cui si cuce, serve a prevenire punture non volute con gli aghi usati.

Filo

E’ consigliato utilizzare un colore di filo uguale al tessuto oppure leggermente più scuro.

Per risultati ottimali conviene impiegare un filo composto dalla stessa fibra del tessuto.

Il filo usato per imbastire è più economico e di bassa qualità.

Usare un filo di lino per le asole, mentre per le stoffe di arredo e i lavori di trapunto è raccomandato un filo più robusto.

Carta velina

Lavorando a macchina con tessuti delicati o molto sottili, è consigliabile mettere delle strisce di carta velina su ciascun lato del tessuto, che andranno rimosse una volta completato il lavoro di cucitura.

La carta velina è utile inoltre per allungare o modificare il modello di un capo, oltre che per traferire i disegni da usare per il ricamo.