Chiavari: cosa vedere, Nostra Signora dell’Orto

Cosa vedere a Chiavari, itinerario comprendente i principali monumnenti e luoghi di interesse, tra cui Palazzo Rocca, Borgolungo, Castello, Portici e Cattedrale Nostra Signora dell’Orto.

Portici - Chiavari

Turismo Chiavari

Cittadina ligure della Riviera di Levante, in provincia di Genova, Chiavari è una nota località turistica situata al centro del Golfo del Tigullio.

Il suo territorio, abitato fin dalla preistoria, come risulta dal ritrovamento di una ricca necropoli dell’Età del Ferro, fu popolato dai Liguri Tigulli, prima di divenire un importante centro romano.

Nelle scuderie del seicentesco Palazzo Rocca, ingrandito e corredato di un parco nel diciottesimo secolo, ha sede il Museo Archeologico della città, che conserva queste importanti testimonianze, riportate alla luce a Chiavari, relative all’Età del Bronzo e alla necropoli della prima Età del Ferro.

Menzionata per la prima volta come Clavaro, in un documento del decimo secolo, fu dominata da Genova, che nel dodicesimo secolo vi edificò un castello e una cinta muraria facendone una postazione di difesa contro i signori della Lunigiana.

Verso la metà del tredicesimo secolo fu libero comune, poi fu in mano dei Malaspina della Lunigiana e dei Fieschi di Lavagna, quindi tornò di nuovo sotto la Repubblica di Genova raggiungendo un importante sviluppo economico e urbanistico, e acquisendo il titolo di città a metà del seicento.

Sotto Napoleone Bonaparte fu capoluogo del dipartimento degli Appennini e, dopo il Congresso di Vienna, passò al Regno di Sardegna.

Il centro storico di Chiavari conserva la parte più antica della cittadina chiamata Borgolungo, sovrastata dai resti del castello con il torrione, dalla cui sommità il panorama abbraccia le colline e il mare che si apre fra le penisole di Portofino e Sestri Levante.

I tipici vicoli chiamati caruggi, fiancheggiati da bassi portici, il principale è via Martiri della Liberazione, noto come caruggio dritto, con numerose botteghe e locali storici, caratterizzano la cittadina.

La cattedrale di Nostra Signora dell’Orto sorge nella piazza omonima, e fu costruita fra il 1613 e il 1933, a seguito dell’apparizione della Vergine Maria sul terreno dove un tempo si coltivavano gli orti.

L’aspetto attuale della Chiesa è frutto di una ristrutturazione avvenuta fra l’ottocento e il novecento, durante la quale venne costruito l’imponente pronao e fu ripartito l’interno in tre navate, arricchendolo con sfarzosi decori e affreschi.