Castelli della Loira: quali vedere

Quali sono i Castelli della loira da vedere, itinerario alla scoperta delle dimore estive dei sovrani francesi, inseriti nella valle definita come il giardino di Francia.

Chenonceaux: castelli della Loira

Turismo Castelli della Loira

Regione della Francia situata in posizione centrale, la Valle della Loira si estende dall’Orleanese alla Sologne, dal Blessois alla Touraine e all’Anjou.

E’ una terra dal clima mite e coltivata da secoli, che offre ottimi frutti, vini pregiati, protagonista di importanti episodi nella storia della Francia e dell’Europa.

Nel cuore del Rinascimento ha ospitato numerosi sovrani della Francia, inoltre è stata la residenza preferita di principi e re.

Questa regione, che vanta un grande patrimonio culturale e comprende importanti città storiche, tra cui Amboise, Angers, Blois, Chinon, Nantes, Orléans, Saumur e Tours, è conosciuta soprattutto per i suoi magnifici castelli, situati non solo sulla Loira, ma anche sullo Cher, sull’Indre, sulla Maine e sulla Vienne, affluenti di questo grande fiume.

La parte centrale del corso del fiume Loira, fra Maine-et-Loire e Sully-sur-Loire, è stata riconosciuta come patrimonio dell’umanità dall’Unesco.

Il Castello di Amboise domina dall’alto la città di Amboise, lungo la Loira.

Carlo VIII, che era nato e cresciuto ad Amboise, fece trasformare la vecchia fortezza risalente al tredicesimo secolo, in un magnifico castello in stile rinascimentale.

Luigi XII fece iniziare la costruzione di una seconda ala in stile rinascimentale, i cui lavori proseguirono con Francesco I, il quale invitò il grande Leonardo da Vinci, che si stabilì nel vicino castello di Cloux, oggi Clos Luce.

La Cappella St. Hubert custodisce le presunte spoglie di Leonardo, che visse ad Amboise fino alla morte.

Anche se il complesso nel tempo è cambiato e molti edifici sono andati distrutti, compresi i giardini rinascimentali all’italiana, il Castello di Amboise rimane una delle dimore più imponenti della valle della Loira.

Tra le sue meraviglie rientrano le due torri a chiocciola, Tour des Minimes e Tour Heurtault, con le rampe elicoidali, un tempo praticabili da cavalli e carrozze, che permettono di arrivare fino al piano del castello, la cappella di ST-Hubert, in stile gotico fiammegiante, e l’elegante residenza reale.

Dalla terrazza del Castello è molto suggestiva la vista sulla Loira e sui caratteristici tetti del piccolo borgo di Amboise.

Il Castello di Azay-le Rideau, situato nel comune di Azay-le Rideau, appartenente al dipartimento dell’Indre-et-Loire, fu fatto costruire, tra il 1510 e il 1528, sotto il regno di Francesco I, dal ricco tesoriere delle Finanze e sindaco di Tours, Gilles Berthelot.

L’edificio è considerato un capolavoro di eleganza, posto sopra un’isola in mezzo alle acque dell’Indre, dove si riflette in tutta la sua bellezza e perfezione.

Con un interno riccamente ammobiliato, questo castello costituisce un prezioso esempio del primo Rinascimento francese.

Il Castello di Chambord è un edificio grandioso, il più vasto dei castelli della Loira.

Fu fatto costruire da Francesco I, tra il 1519 ed il 1547, nei pressi di una curva del fiume Cosson, subaffluente della Loira, a circa 14 km a nord-est di Blois, nel cuore della foresta di Boulogne, ricca di selvaggina.

Al progetto di questo fantastico castello in stile rinascimentale, parteciparono gli architetti più famosi del tempo, fra i quali Leonardo da Vinci.

L’edificio comprende 450 stanze, 70 scalinate e un caminetto per ogni giorno dell’anno.

Magnifico lo scalone circolare a doppio senso rotatorio, che dal cortile conduce ai piani superiori.

Il Castello di Chenonceau è un castello situato nei pressi di Chenonceaux, a cavallo del fiume Cher, le cui acque riflettono tutto il suo splendore.

L’edificio, caratterizzato da un’armoniosa ed elegante architettura, è immerso in uno scenario naturale molto bello, circondato da acque, giardini e vegetazione spontanea.

La sua storia è legata alle donne che vi hanno vissuto, dal Rinascimento all’Ottocento, tanto da essere chiamato “Château des Dames”.

Fatto costruire nel 1513 da Katherine Briçonnet, fu poi impreziosito da Diane de Poitiers e Caterina de ‘Medici, inoltre venne salvato dai rigori della Rivoluzione da Madame Dupin.

La visita degli interni rivela una ricca collezione di arte, mobili rinascimentali e arazzi del sedicesimo e diciassettesimo secolo.

Il Castello di Cheverny si trova nel comune di Cheverny, nel dipartimento di Loir-et-Cher.

Questo maniero fu fatto costruire nel 1624 da Philippe Hurault, figlio di Henri Hurault, Conte di Cheverny e tesoriere militare di Luigi XI.

Nonostante la proprietà nel corso dei secoli sia cambiata varie volte, ancora oggi il castello è la residenza del visconte di Sigalas, discendente degli Hurault, che lo apre al pubblico.

Il castello, realizzato in pietra bianca, che contrasta con l’ardesia grigia che ricopre il tetto, è classico e accogliente, conosciuto per la bellezza e l’importanza artistica dei suoi arredi originali perfettamente conservati.

Il Castello di Villandy, che si trova a Villandry nel dipartimento Indre-et-Loire, fu fatto costruire nei primi anni del 1532 da Jean Le Breton, ministro di Re Francesco I di Francia.

Due secoli più tardi venne acquistato dal Marchese di Castellane, fino a quando fu confiscato durante la rivoluzione francese.

Nei primi anni dell’ottocento l’Imperatore Napoleone lo acquistò per suo fratello Giuseppe Bonaparte.

Nel 1906 il Dr. Joachim Carvallo, bisnonno degli attuali proprietari, acquistò la proprietà e restituì al loro antico splendore il castello e i suoi celebri giardini, considerati tra i più belli della Francia.