Casablanca: cosa vedere dalla vecchia medina al lungomare

Cosa visitare a Casablanca, informazioni su origini e caratteristiche della città del Marocco che rappresenta il maggiore porto della nazione, itinerario comprendente le attrazioni principali da vedere in un giorno.

Moschea Hassan II - Casablanca

Guida turistica Casablanca

Casablanca, importante porto e città del Marocco, è situata sull’Oceano Atlantico, a circa 100 km da Rabat.

Pur essendo di origine portoghese, il nome Casablanca le fu dato dagli Spagnoli, che sulla costa formarono un primo insediamento, costituito in prevalenza da case bianche.

Con caratteristiche moderne ed occidentali, ingloba nelle sue architetture elementi caratteristici della cultura Arabo-Musulmana, sviluppatasi soprattutto sotto il protettorato Francese.

Il porto di Casablanca è il più importante della nazione e in continua espansione.

Cosa vedere a Casablanca in un giorno

Vecchia Medina, è il centro cittadino circondato da mura del XVI secolo, ricco di negozi e mercati di ogni genere, con strade strette e tortuose. Evidente il contrasto con la città moderna, dove prevalgono grattacieli, alberghi e negozi eleganti.

Lungomare Casablanca: si snoda ad ovest di Casablanca lungo il Boulevard De La Corniche, elegante viale con palme ai lati, costellato di hotel, ristoranti, piscine, negozi e locali di svago, un luogo speciale per chi ama il divertimento anche di notte.

Moschea di Hassan II è la seconda Moschea più grande del mondo dopo quella della Mecca, costruita seguendo il progetto di Michel Pinseau, un architetto francese, per festeggiare il compimento dei 60 anni del Re Hassan II.

Con una superficie di ben 90.000 metri quadri, sorge parzialmente sull’oceano e può ospitare circa 20.000 fedeli, escludendo il piazzale esterno che ne può contenere altri 80.000.

All’interno offre al visitatore una vasta quantita di tipi di marmo e meravigliosi lampadari, una biblioteca e sale per conferenze.

Non mancano i sotterranei con le sale per le abluzioni.

Notre Dame de Lourdes è una chiesa cattolica costruita negli anni cinquanta, da vedere le meravigliose vetrate opera di Gabriel Loire, un maestro vetraio di Chartres, raffiguranti temi mariani.

Cattedrale del Sacro Cuore: in passato di professione cattolica, è oggi adibita a museo.