Alberobello: Trullo sovrano, Museo del Territorio

Cosa vedere a Alberobello, itinerario comprendente i principali luoghi di interesse dei luoghi da visitare a piedi, tra cui Casa Pezzolla, Trullo sovrano e Museo del Territorio.

Trulli - Alberobello

Turismo Alberobello

Alberobello, un paese della provincia di Bari, è famoso per i trulli, costruzioni tipiche che si trovano nella Puglia centro-meridionale.

Il paese di distende su due colli, sul colle posto ad oriente si trova la parte nuova della cittadina, mentre su quello a occidente si allineano i trulli. Questo agglomerato urbano, suddiviso nei rioni Monti e Aia Piccola, è riconosciuto dall’Unesco patrimonio artistico d’interesse mondiale.

Il nome della città di Alberobello deriva dal latino Sylva aut nemur arboris belli, che significa Selva o bosco dell’albero della guerra, e ricorda che la zona in antichità era un territorio boscoso, dove probabilmente avvenne un fatto d’arme oppure un agguato di briganti.

La storia della cittadina inizia nel XVI secolo quando il Re di Napoli, Ferdinando D’Aragona, diede l’investitura del feudo comprendente la Selva, ad Andrea Matteo Acquaviva, Conte di Conversano.

I Conti di Conversano incominciarono a portarvi gente, in maggior parte contadini, per dissodare e rendere la selva fertile, in cambio offrirono loro dei vantaggi, chiedendo solo un decimo dei raccolti, ma non concedendo alcuna forma di proprietà e neanche diritti e privilegi civici.

I contadini poterono costruire le loro abitazioni a secco, con il divieto di impiegarvi qualsiasi tipo di calce, erano i caratteristici trulli, in modo da poterle demolire in caso d’ispezione regia, poichè la nascita di un agglomerato urbano esigeva il pagamento del tributo secondo la Prammatica de Baronibus.

Infatti nel 1644, in seguito ad una denuncia fatta dal duca Caracciolo di Martina Franca fu ordinata una ispezione regia, ed allora il Conte fece abbattere in una sola notte tutte le abitazioni, allontanandone temporaneamente gli abitanti.

Al momento del controllo gli ispettori regi trovarono solo pietre sparse e così il ricorso non ebbe effetto. Dopo i coloni ricostruirono di nuovo le loro abitazioni, rispettando sempre il divieto di usare la calce.

Intanto il villaggio della Selva cresceva, ma la condizione degli abitanti era molto triste, senza nessuna garanzia e tutela per la propria esistenza, in quanto la giustizia era in mano ai capricci del Conte.

Questa vita particolarmente dura alimentò nel popolo il desiderio di libertà e l’aspirazione ad una vita civile.

Finalmente nel 1797 un gruppo di alberobellesi si fece coraggio e si recò a Taranto per chiedere aiuto al re Ferdinando IV di Borbone, il quale accolse l’istanza ed emanò un decreto con il quale elevava il piccolo villaggio a città regia, liberandola dalla servitù feudale.

Le tipiche costruzioni di Alberobello, i trulli, dal greco tholos che vuol dire cupola, sono giunti fino ai tempi nostri attraverso una tradizione millenaria.

In una zona centrale dell’abitato situata fra il quartiere Aia Piccola e piazza del Popolo, si trova il complesso denominato Casa Pezzolla, dal nome degli ultimi proprietari, oggi di proprietà del Comune.

E’ il complesso abitativo più grande dei 15 trulli contigui e comunicanti, visitabili ad Alberobello, i più antichi dei quali risalgono al XVIII secolo.

Il Trullo più grande del paese è il Trullo Sovrano, ed è stato fatto costruire dalla famiglia Perta nella metà del ‘700.

Questo edificio a due piani è adibito a Museo del Territorio e l’interno, visitabile, ha un arredamento ricostruito attraverso le testimonianze degli abitanti più anziani di Alberobello.